Il coraggio di dire NO alla mafia

1Pino Puglisi nasce a Brancaccio, quartiere periferico di Palermo controllato dalla criminalità organizzata, il 15 Settembre 1937. Pino, uomo e sacerdote semplice, dedica interamente la sua vita alla lotta alla mafia. Attraverso giochi, incontri e attività, Padre Pino allontana dalla strada bambini e ragazzi che non erano ancora entrati nel vortice della mafia. Questo da molto fastidio ai boss che decidono di “toglierlo di mezzo” ed è così che il 15 Settembre 1993, nel giorno del suo 56° compleanno, viene ucciso dalla mafia, davanti al portone di casa.
Oggi Padre Pino Puglisi è riconosciuto come Beato dalla Chiesa Cattolica.

 

Ficarra e Picone – Dedicato a Zio Pino

1

Video: http://www.youtube.com/watch?v=0GUf5p55j9w

 Picone – Dalle nostre parti, quando si vuole bene ad una persona, ma bene veramente, la si chiama: zio, don…

Ficarra – quando gli vuoi bene in maniera particolare, gli porti un rispetto enorme: ­­­___________, in siciliano: parrì

Picone – A noi è capitato di voler molto bene ad una persona, e anche se non era un parente, per noi era lo Zio Pino.

Ficarra – zio Pino era un uomo né bello né brutto, né alto né basso, aveva delle mani enormi, dei piedi enormi, però aveva un sorriso, ma un sorriso …

Picone – rideva sempre, anche quando non c’era niente da ridere lui rideva, tantè che noi glielo dicevamo: zio Pino che minchia ci ridi?

Ficarra – zio Pino non beveva, non fumava, non diceva ___________, però aveva un difetto, amava, amava troppo, zio Pino era un professionista dell’amore.

Picone – non aveva mogli, ma amava quelle degli altri

Ficarra – non aveva figli ma tutti sapevano che ce n’erano ___________ sparsi per la città

Picone – Insomma zio Pino era malato d’amore e con il tempo _____________, più amava e più voleva amare

Ficarra – da questo punto di vista signori, era diventato ___________

Picone – la cosa incredibile era che più era ___________ e più veniva amato da tutti

Ficarra – da tutti, pensate che addirittura i mariti andavano da zio Pino e gli dicevano: ___________, zio Pino io devo partire, potrebbe amare un poco mia moglie? E lui entrava con la scusa della moglie e piano piano amava tutta la famiglia

Picone – noi glielo dicevamo: zio Pino si dia ___________ con tutto questo amore perché sennò a lei finisce male, ma lui niente era ___________

Ficarra – zio Pino era un ___________

Picone – era amante dell’amore

Ficarra – era un amante amatore innamorato dell’amore

Picone – insomma amava a tutti i livelli, tutti

Ficarra – zio Pino quando noi gli dicevamo di amare meno, lui ci rispondeva: “ Picciotti, ci sono così tanti tipi di amore al mondo, che non sapendo quale scegliere, li ho presi tutti, l’amore per i padri, per le madri, per i figli, per i fratelli, per le sorelle, per se stessi”

Picone – l’amore per se stessi picciotti, il peggiore di tutti, non c’è peggio di un uomo che ama se stesso

Ficarra – vero vero, io c’avevo un amico

Picone – fatto vero

Ficarra – un mio amico, stava tutto il santo giorno davanti allo specchio, si guardava e si diceva: ma quanto sono bello, ma quanto sono bravo e io gliel’ho detto: Silvio, tu così ___________!

Picone – zio Pino invece era di ___________, zio Pino era amante ma amato da tutti

Ficarra – e ne abbiamo avuto la conferma al suo funerale

Picone – minchia quanta gente

Ficarra – minchia funerale

Picone – minchia pianti

Ficarra – meraviglioso

Picone – bellissimo, funerale, eccezionale, a parte qualcuno che era lì solo per il piacere di farsi vedere, io c’ero

Ficarra – no no non dire così, diciamolo sinceramente c’era ___________di gente perché zio Pino era amato da tutti

Picone – per carità pure per quello, però secondo me anche per il modo come se n’è andato

Ficarra – ah si quello si

Picone – perché quando una persona muore di vecchiaia, piano piano ci si abitua all’idea, si elabora il famoso ___________, quando uno muore per una malattia, anche lì purtroppo piano piano ci si abitua all’idea, si elabora il famoso ___________, ma quando uno se ne va come se n’è andato zio Pino, non ti dai pace.

Ficarra – eh si! Sta rientrando a casa zio Pino, è già davanti al suo portone, pensate addirittura ha già ___________ la chiave nel portone

Picone – un ___________ a volto scoperto e con una pistola si avvicina e gli dice : parrì questa è una rapina

Ficarra – zio Pino sorride, lo ama e risponde: “ me l’aspettavo e si gira di nuovo verso il portone

Picone – il tizio con la pistola signori, punta alla nuca e preme il ___________

Ficarra – il ___________ provoca la combustione delle polveri che generano l’espansione dei gas che consentono il lancio del ___________

Picone – il ___________ si muove nello spazio seguendo una linea ___________, che comincia dalla bocca della pistola e termina al suolo dopo centinaia di metri … ma se tu … hai il culo di trovarti nel mezzo

Ficarra – a quel punto padre Pino Puglisi cade a terra, in un attimo la notizia fa il giro di Brancaccio

Picone – tutti i suoi fratelli, tutte le sue sorelle, tutti accorrono increduli

Ficarra – non era mai successo, un prete ucciso perché predicando l’amore, stava disturbando la mafia

Picone – ma pure lui, sapendo che aveva tutta questa passione per l’amore, se ne andava in giro ___________

Ficarra – e dire che noi gliel’avevamo detto, zio Pino con tutto questo amore si dia ___________ perché altrimenti a lei finisce male, ma … lui era ___________

Picone – molti dicono che lui sia morto, e che noi dobbiamo elaborare il famoso ___________, ma noi che lo conoscevamo sappiamo che non si tratta di morte, no … ma di parto

Ficarra – perché si può nascere in tanti modi, c’è un parto naturale, un parto cesareo, parto in acqua, e poi c’è il parto per uccisione

Picone – e noi che in vita non avevamo mai capito fino infondo che cosa provasse zio Pino quando amava, adesso ci ritroviamo ___________ ad amare persino quel tizio con la pistola che, poveretto, lo ha fatto nascere …

 

Attività di comprensione

Prova adesso a spiegare il significato delle seguenti espressioni:

  • Un sacco:                               _______________________________
  • Darsi una calmata:                _______________________________
  • Finire male:                           _______________________________
  • Essere cocciuti:                      _______________________________
  • Essere di tutt’altra pasta:      _______________________________
  • Farsi vedere:                          _______________________________
  • Elaborare il lutto:                  _______________________________
  • Non/Darsi pace:                     _______________________________
  • A volto scoperto:                    _______________________________
  • Aspettarsela:                          _______________________________
  • Andarsene in giro a nuca scoperta: __________________________

Rossella Li Volsi

Annunci