Conocéis los orígenes de Ferragosto?

Ferragosto es el aniversario de la Asunción de María y se celebra el 15 de agosto.

En Italia, el día de Ferragosto se dedica tradicionalmente a excursiones o salidas fuera de casa y comúnmente se hacen picnics o barbacoas, naturalmente con las condiciones óptimas de la estación de verano. Es también bastante común trasladarse hacia las localidades montañosas en busca de un tiempo un poco más fresco.

El término Ferragosto deriva del latín feriae Augusti (descanso de Augusto) indicando una fiesta establecida por el emperador Augusto en el 18 a.C. En el mes de agosto se recogían los cereales y así en la antigua roma se festejaba el final de los principales trabajos agrícolas. El antiguo Ferragosto, a demás de su finalidad de auto-promoción política, tenía el objetivo de concentrar las principales fiestas del mes de agosto para proporcionar un necesario periodo de descanso, llamado también Augustali (referido al mes de agosto) , necesarios después de los grandes esfuerzos realizados las semanas anteriores.

En el transcurso de los festejos, en todo el imperio se organizaban carreras de caballos, y los animales de tiro se eximían del trabajo y se adornaban con flores. Estas antiguas tradiciones siguen todavía vivas hoy en día, prácticamente sin cambios en la forma y en la participación, como por ejemplo durante el “Palio dell’Assunta” tiene lugar en Siena.

palio-di-siena

El día de Ferragosto los trabajadores recibían una propina por parte de sus jefes, bonificación que en el Renacimiento se convirtió en obligatoria por decreto papal y ¿quién sabe si quizás la actual paga extra de Navidad sea una derivación moderna?

Con una fuerte tradición pagana, la fiesta de Ferragosto fue más adelante usada por la Iglesia, que al igual que con otras fiestas paganas, primeramente trató de suprimirla para después llenarla de cristiandad. Así en el siglo VI, las Feriae Augusti fueron transformadas en la celebración de la Ascensión al cielo de la Virgen María, que terminada su vida en la tierra, fue elevada a la gloria celestial con su alma y su cuerpo.

La influencia religiosa de la festividad se hace presente en las numerosas procesiones religiosas que se desarrollan por todas partes. Es frecuente que la estatua de la Madonna (la virgen) se saque de procesión a lo largo de las calles de los centros históricos de las ciudades, en el mar, etc. Entre colores, música, fuegos artificiales y bailes nocturnos bajo el cielo estrellado forman parte del folklore regional.

BEGOÑA GONZÁLEZ RODRÍGUEZ

Annunci

San Giovanni Li Cuti en Español

San Giovanni Li Cuti es un pequeño pueblo marinero de la costa Catanesa donde se encuentra la playa más característica de la ciudad que se extiende al noroeste de Catania.

La característica principal que hace de esta playa única en su especie es la de poseer una arena negra de origen volcánico y el acceso al mar se hace a través de rocas de piedra volcánica.

Sabéis qué son los “Li Cuti”?

San Giovanni Li Cuti es también recordado por encontrarse en el área cubierta por varios fluidos lávicos de los períodos históricos de 1169, 1329 y 1381. En el dialecto catanés se utiliza el término “Li Cuti” o “Li Cutulisci” para indicar las formaciones de origen volcánico o rocas sometidas a la acción erosiva del mar.

Es un tramo de costa constituido por peñascos de roca en color negro basalto, antiguos acantilados fruto de las transformaciones realizadas por los movimientos marinos que alteran los “cutuli” o bloques de piedra volcánica fruto de la demolición de los acantilados que, al caer al agua fueron trasladads a la tierra con formas redondeadas a causa de la acción del mar, constituyendo así una pequeña playa de gravilla negra que los Cataneses aprecian especialmente.

1

En verano la scuola Federico II organiza actividades como el volley playa, wáter polo, submarinismo, barcos a pedal y sobretodo la popular clase de argot o clase sobre “modi di dire” (expresiones populares), proverbios y palabrejas de la lengua italiana. Si ovéis entendido bien, de hecho nuestro director Gaetano Russo enseña a los propios estudiantes, sentados sobre la playa negra de San Giovanni Li Cuti con un tono irónico y cómico, el significado de las palabrotas italianas y de todas esas feas palabras que forman parte del lenguaje común y coloquial.

En San Giovanni Li Cuti hay muchísimos restaurantes típicos de pescado, son un poco caros, pero !realmente apetecibles! En la foto podéis ver algunos de nuestros estudiantes durante la pause de la comida que han ido a probar el menú de Pititto.

2

Sabéis qué significan la palabra siciliano “pititto”?

Significa appetito en italiano. Cuando en siciliano se dice aju pitittu“, quiere decir que ¡tengo hambre!.

3

Este restaurante, por la tarde/noche se convierte en uno de los lugares más románticos y conocidos de la Sicilia Oriental. En su menú podréis encontrar atún fresco y la sopa imperial de pulpo , un manjar único así como los particulares occhi di bue (moluscos parecidos a las almejas).

SGLCutiocchi di bue

 

 

 

 

 

 

Es muy sugerente dar un paseo a lo largo del pintoresco puerto donde todavía es posible ver las típicas embarcaciones de madera usadas por los pescadores locales. También las noches de luna llena de esta magnífica villa marina regalan una atmósfera verdaderamente romántica a todos los enamorados.

BEGOÑA GONZÁLEZ RODRÍGUEZ

Sant’Agata e la sua festa

agata

 

 

Sant’ Agata  è stata, secondo la tradizione cattolica, una giovane vissuta tra il III e il IV secolo, durante il proconsolato di Quinziano.

Secondo la leggenda, Agata è nata in una famiglia siciliana ricca e nobile, nell’anno 246. Secondo la tradizione cattolica sant’Agata si consacrò a Dio all’età di 15 anni circa, ma alcuni studi approfonditi rivelano un’età non inferiore ai 21 anni.
Nel periodo fra il 250 e il 251 il proconsole Quinziano venne a Catania con l’intento di far rispettare l’editto dell’imperatore Decio, che chiedeva a tutti i cristiani di negare pubblicamente la loro fede e s’innamorò della giovane. Saputo della consacrazione, le ordinò, senza successo, di ripudiare la sua fede e di adorare gli dei pagani.

Al rifiuto deciso di Agata, il proconsole la affidò per un mese alla cortigiana Afrodisia. È probabile che Afrodisia fosse una sacerdotessa di Venere o di Cerere, e pertanto dedita alla prostituzione sacra. Il fine di tale affidamento era la corruzione morale di Agata. Ma Agata, in quei giorni, contrappose l’assoluta fede in Dio.

Rivelatosi inutile il tentativo di corromperne i princìpi, Quinziano cominciò un processo e convocò Agata al palazzo pretorio. Memorabili sono i dialoghi tra il proconsole e la santa che la tradizione conserva, dialoghi da cui si capisce senza dubbio come Agata fosse edotta in dialettica e retorica.
Venne fustigata e sottoposta al violento strappo delle mammelle, mediante delle tenaglie. La tradizione indica che nella notte venne visitata da San Pietro che la rassicurò e ne curò le ferite. Infine venne sottoposta al supplizio dei carboni ardenti. La notte seguente all’ultima violenza, il 5 febbraio 251, Agata morì nella sua cella.

Le sacre reliquie della martire catanese, sono custodite in Cattedrale.

La festa di Sant’ Agata è una festa patronale tra le più belle al mondo, dal 3 al 5 febbraio tre giorni di culto, devozione, folclore, tradizioni. Questa festa straordinaria può essere paragonata alla Settimana santa di Siviglia o al Corpus Domini di Cuzco, in Perù e attira ogni anno sino a un milione di persone, tra devoti e curiosi.

Il primo giorno è riservato all’offerta delle candele. Una suggestiva usanza popolare vuole che le candele donate siano alte o pesanti quanto la persona che chiede la protezione. Undici “candelore”, grossi ceri che rappresentano le corporazioni o i mestieri, vengono portate in corteo. Questa prima giornata di festa si conclude in serata con un grandioso spettacolo di giochi pirotecnici in piazza Duomo.

Il 4 febbraio segna il primo incontro della città con la santa Patrona. Già dalle prime ore dell’alba le strade della città si popolano di “cittadini “. Sono devoti che indossano il tradizionale “sacco” (un camice votivo di tela bianca lungo fino alla caviglia e stretto in vita da un cordoncino), un berretto di velluto nero, guanti bianchi e sventolano un fazzoletto anch’esso bianco.

Cittadini alla festa di Sant'Agata - Catania

Luccicante di oro e di gemme preziose, il busto di sant’Agata viene issato sul fercolo d’argento rinascimentale, foderato di velluto rosso, il colore del sangue del martirio, ma anche il colore dei re. Prima di lasciare la cattedrale per la tradizionale processione lungo le vie della città, Catania dà il benvenuto alla sua patrona con la solenne Messa dell’Aurora“. Il fercolo viene caricato del prezioso scrigno con le reliquie e portato in processione per la città.

Catania_Festa_S.Agata_Fercolo

Il “giro“, la processione del giorno 4, dura l’intera giornata. Il fercolo attraversa i luoghi del martirio e ripercorre le vicende della storia della “santuzza“. Tutti rigorosamente indossano il sacco votivo e a piccoli passi, tra la folla, trascinano il fercolo che, vuoto, pesa 17 quintali, ma, appesantito di Scrigno, Busto e carico di cera, può pesare fino a 30 quintali.
Sul fercolo del 5 febbraio, i garofani rossi del giorno precedente (simboleggianti il martirio), vengono sostituiti da quelli bianchi (che rappresentano la purezza).

Il momento più atteso è il passaggio per la via di San Giuliano, che per la pendenza è il punto più pericoloso di tutta la processione. All’alba, in via Crociferi, migliaia di cittadini in camice bianco sfidano il freddo della notte, gridando “Viva Sant’Agata“, in un momento denso di magia e spiritualità. A questo punto, mentre improvvisamente l’atmosfera si fa silenziosa, si eleva il canto angelico delle monache di clausura. L’origine del testo e della musica si perde nella notte dei tempi, anche se una leggenda tramanda che il suo autore fu un siciliano di nome Tarallo, che lo compose appositamente per le monache di clausura di San Benedetto.
La festa si conclude con il rientro di Sant’Agata al Duomo.

Non potevano mancare, in periodo di festa, i dolci legati alla tradizione della santa catanese. Vengono realizzati per la ricorrenza alcuni dolci che hanno un riferimento a sant’Agata, come i “Cassateddi di Sant’Aita” e le “Olivette“. Le cassateddi, o “Minni di Sant’Aita” fanno riferimento alle mammelle che furono strappate alla santa durante i martiri. Le olivette, invece, si riferiscono alla leggenda che Agata, inseguita dagli uomini di Quinziano e giunta ormai nei pressi del palazzo pretorio, si fosse fermata a riposare un istante. Nello stesso momento in cui si fermò,  un ulivo comparve dal nulla e la giovinetta potè ripararsi e anche cibarsi dei suoi frutti.

Agata_pik   aagata

 

 

 

 

« Tu che splendi in Paradiso,
coronata di vittoria,

Oh Sant’Agata la gloria,
per noi prega, prega di lassù »

(Canto a Sant’Agata)

Maria Scalici

1

 

Lo sapevi che gli Italiani sono un popolo di scaramantici? Cos’è la scaramanzia? Cosa porta sfiga in Italia?

 

In Italia porta sfortuna:

  1. Vedere un gatto nero attraversare la strada
  2. Regalare un gatto nero
  3. Comprare un gatto nero

Gli Italiani mangiano la notte di Capodanno per buon augurio:

  1. Lenticchie
  2. Fagioli
  3. Piselli

Gli Italiani indossano la notte di Capodanno per buon augurio:

  1. Un indumento intimo di colore bianco
  2. Un indumento intimo di colore rosso
  3. Un indumento intimo di colore nero

Cosa deve indossare in Italia una sposa il giorno del proprio matrimonio?

  1. Un gioiello prezioso
  2. Un oggetto o indumento nuovo, uno vecchio, uno prestato, uno regalato e uno azzurro
  3. Un indumento intimo nero

Porta sfortuna rifare il letto, dopo aver dormito:

  1. Da soli
  2. In due
  3. In tre

Porta fortuna:

  1. Camminare sotto la pioggia
  2. Camminare a piedi nudi
  3. Camminare a cavallo

Porta sfortuna:

  1. Vedere una suora
  2. Vedere un politico
  3. Vedere il personaggio famoso

Quale di questi oggetti viene usato in Italia contro la sfortuna?

  1. Un corno rosso
  2. Un bracciale bianco
  3. Un indumento viola

Porta male:

  1. Sedersi in tredici a tavola
  2. Sedersi da soli a tavola
  3. Sedersi in tre a tavola

Porta sfortuna:

  1. Vedere un carro funebre senza la bara
  2. Vedere un carro funebre con la bara
  3. Salire su un carro funebre

Si dice che porti sfortuna:

  1. Uccidere una formica
  2. Uccidere una zanzara
  3. Uccidere una coccinella

Quale tra questi colori non viene mai indossato in tv o in teatro?

  1. Il nero
  2. Il giallo
  3. Il viola

Porta male:

  1. Fare gli auguri di compleanno il giorno prima
  2. Fare gli auguri di compleanno il giorno dopo
  3. Non fare gli auguri

Porta sfortuna:

  1. Contare i soldi
  2. Spendere i soldi
  3. Conservare i soldi

“Rosso di sera …” completa questo modo di dire:

  1. La storia si avvera
  2. Bel tempo si spera
  3. La luna non c’era

“Sposa bagnata, sposa …” completa questo modo di dire:

  1. Fortunata
  2. Sfortunata
  3. Sfigata

Vedere una stella cadente:

  1. Porta fortuna
  2. Porta sfortuna

Lo sposo non deve, prima del matrimonio:

  1. Vedere la sposa
  2. Vedere l’abito della sposa
  3. Vedere le scarpe della sposa

Porta fortuna:

  1. Sognare un morto
  2. Sognare la morte di qualcuno
  3. Sognare la propria morte

Quando si regala un portafoglio, porta fortuna:

  1. Mettere una monetina dentro
  2. Non mettere niente
  3. Mettere soldi in banconote.

E nel tuo paese cosa fortuna o sfortuna?

Rossella Li Volsi

Italian Nouns: Gender and Number

genderAll Italian nouns have either a masculine or a feminine gender. Nouns referring to human beings or animals sometimes have the same grammatical gender as their natural gender, but not always:

una giraffa (giraffe) is always feminine
un ippopotamo (hippopotamus) is always masculine

In order to provide the missing half, we have to say:

una giraffa maschio (a male giraffe)
un ippopotamo femmina (a female hippopotamus)

Some animals – as in English – have two distinct names for the male and the female of the species:

un leone (lion), una leonessa (lioness)
un gallo (cock), una gallina (hen)

Some, but not all, professional and other titles may have a distinct form for the feminine. Nouns whose masculine form ends in -e have a feminine form ending either in -a or in -essa:

cameriere – cameriera (waiter/waitress)
infermiere – infermiera (nurse)
padrone – padrona (master/mistress)
studente  – studentessa (student)
principe – principessa (prince/princess)
conte – contessa (count/countess)
barone – baronessa (baron/baroness)

Most nouns with masculine form ending in -tore have a feminine form ending in -trice:

attore – attrice (actor/actress)
autore – autrice (author)
direttore – direttrice (director, manager)
imperatore – imperatrice (emperor/empress)
pittore – pittrice (painter)
scrittore – scrittrice (writer)
senatore – senatrice (senator)

Note the following masculine nouns with feminine equivalent in -essa:

dottore – dottoressa (doctor)
professore – professoressa (teacher)

The gender and number determine the ending of the noun. Italian nouns can be divided into several different groups. The three most common patterns are:

Singular

Plural

Masculine

-o

-i

Femenine

-a

-e

Masculine or femenine

-e

-i

 

SINGOLARE

PLURALE

MASCULINE Tavolo Table Tavoli Tables
Albero Tree Alberi Trees
Sbaglio Mistake Sbagli Mistakes
Ragazzo Boy Ragazzi Boys
FEMENINE Donna Woman Donne Women
Parola Word Parole Words
Scuola School Scuole Schools
Ragazza Girl Ragazze Girls
MASCULINE Padre Father Padri Fathers
Studente Student Studenti Students
Bicchiere Glass Bicchieri Glasses
FEMENINE Madre Mother Madri mothers
Occasione Occasion Occasioni Occasions
Chiave Key Chiavi Keys

 

→ Note: Nouns ending in a consonant are usually masculine:
bar, autobus, film, sport

Irregular plurals:

There are very few true irregular plurals in Italian. Some of these are:

l’uomo / gli uomini (man/men)

il dio / gli dei (god/gods; note also the irregularity in the article: gli instead of i)

il bue / i buoi (ox/oxen)

il tempio / i templi (temple/temples)

il carcere / le carceri (prison (masculine) / prisons (feminine))

l’ala / le ali (wing/wings)

l’arma / le armi (weapon/weapons)

la mano / le mani (hand/hands)

l’eco / gli echi (echo (feminine) / echos (masculine))

la moglie / le mogli (wife/wives)

→ Note: In the plural, nouns ending in -co, -go; -ca, -ga; -cia, -gia present variations in their endings.

Maria Scalici

Quanto conosci l’Italia?

1

 

 

 

 

 

  1. Gli italiani chiamano il loro Paese anche:
    • Zeppa
    • Tacco
    • Stivale
  2. Alcuni amici italiani ti invitano per cena. E’ normale se porti:
    • Nulla
    • Un secondo piatto
    • Un vino o un dolce
  3. Incontri un amico, puoi salutarlo con:
    • Un bacio
    • Due baci
    • Tre baci
  4. Ad una riunione di lavoro formale, tu vai vestito con:
    • Camicia maniche corte e cravatta
    • Giacca e cravatta
    • Jeans e camicia
  5. Se si visita una chiesa in Italia è meglio non indossare:
    • Jeans e maglietta
    • Pantaloncini o gonna più corta del ginocchio e avere le spalle coperte
    • Il velo
  6. Se un uomo entra in una chiesa italiana è meglio che non porti:
    • Un abito bianco
    • Un cappello
    • Un ombrello
  7. Se un neonato ha fame e la mamma è in strada, la madre:
    • Deve trovare un luogo isolato per allattarlo
    • Deve andare nel bagno di un ristorante
    • Può allattarlo anche in pubblico
  8. Quando una persona sta facendo un discorso noioso posso dire di:
    • Avere il latte alle ginocchia
    • Avere il naso ai piedi
    • Avere le scarpe strette
  9. Agli italiani piace la pasta:
    • Alla bocca
    • Al dente
    • Al palato
  10. Cosa significa il modo di dire: “fare le orecchie da mercante?”
    • Ascoltare con interesse un discorso
    • Fingere di non sentire e ascoltare solo quello che fa più comodo
    • Cercare di ascoltare i discorsi degli altri, essere curiosi e invadenti
  11. “Rosso di sera …” completa questo modo di dire:
    • La storia si avvera
    • Bel tempo si spera
    • La luna non c’era
  12. Cosa significa il modo di dire: “Andare con i piedi di piombo”:
    • Fare qualcosa con molta prudenza e attenzione
    • Fare qualcosa di pericoloso
    • Fare un grosso sforzo
  13. Quando divido i rifiuti per tipologia (carta, plastica, vetro …) sto facendo:
    • La distinzione ecologica
    • La raccolta differenziata
    • La suddivisione ecologica
  14. Chi è considerato il padre della lingua italiana?
    • Dante Alighieri
    • Luigi Pirandello
    • Francesco Petrarca
  15. Quale di questi ingredienti non dobbiamo usare per preparare gli spaghetti alla carbonara?
    • Pancetta
    • Uova
    • Basilico
  16. In quale dei seguenti piatti non va messo il parmigiano?
    • Spaghetti al pomodoro
    • Risotto ai funghi porcini
    • Spaghetti allo scoglio
  17. Qual è il dolce tipico natalizio?
    • La cassata
    • Il tiramisù
    • Il panettone
  18. Gli Italiani mangiano la notte di Capodanno per buon augurio:
    • Lenticchie
    • Fagioli
    • Piselli
  19. Qual è la capitale dell’Italia:
    • Milano
    • Roma
    • Firenze
  20. Quante sono le regioni italiane?
    • 19
    • 20
    • 21

    Lo sapevi che ci sono profonde differenze tra nord, centro e sud?

    Ecco un video che ne sottolinea alcune di tipo linguistico: http://www.youtube.com/watch?v=UELty2ma4mo

Rossella Li Volsi

Attività elementare sull’uso delle preposizioni articolate

Dopo una breve ripetizione degli articoli determinativi, in una classe di livello A2, in seguito ad una domanda sulla differenza tra le preposizioni da e di, si è proposta un’attività induttiva per fare comprendere l’uso delle preposizioni articolate, in questo caso di.

Per distinguere l’uso delle preposizioni semplici e di quelle articolate sono stati forniti prima alcuni esempi:

la borsa di Anna

la borsa dell’insegnante

la borsa della mia amica

Dopo avere evidenziato come avviene il passaggio dalla preposizione semplice a quella articolata si è proposto agli studenti di associare agli articoli nomi che già conoscevano, e in seguito di fare esempi con altri nomi, suggeriti dagli stessi studenti. Quando gli studenti avevano in mente una parola per fare un esempio ma non la conoscevano in italiano potevano domandare all’insegnante.  In questo modo, facendo associazioni tra parole nuove e i nomi già acquisiti nel vocabolario personale, sono state create dagli studenti le seguenti associazioni:

il cane                                                                    ___ collare _____ cane

la ____________                                                  ___ uomo _____ palestra

l’ ____________                                                   ___ telefono _____ amico

lo ____________                                                 ___ barattolo _____zucchero

i ____________                                                   ___ genitori _____ bambini

le ­____________                                                ___ piastrelle _____ piscine

gli ____________                                               ___ piatto _____ spaghetti

Francesca Gulli